Contattaci
334 2042824

Precisazioni

Chi è Lo Psicologo?
La Legge n°56 del 18 febbraio 1989 (Ordinamento della Professione di Psicologo), definisce che: “La professione di psicologo comprende l’uso degli strumenti conoscitivi e di intervento per la prevenzione, la diagnosi, le attività di abilitazione-riabilitazione e di sostegno in ambito psicologico rivolte alla persona, al gruppo, agli organismi sociali e alle comunità. Comprende altresì le attività di sperimentazione, ricerca e didattica in tale ambito.
Per esercitare la professione di Psicologo è necessario aver conseguito l’Abilitazione in Psicologia mediante l’Esame di Stato ed essere iscritto nell’apposito Albo Professionale Regionale.

Chi è lo Psichiatra?
Lo Psichiatra, è una persona laureata in medicina e chirurgia che ha ottenuto la specializzazione in psichiatria. Si differenzia dallo psicologo per avere una maggiore competenza sugli aspetti organici dell’individuo, che gli consente di somministrare e gestire un’adeguata cura farmacologica. Lo Psichiatra, data la sua formazione di medico, concentrerà la sua attenzione sul sintomo/i che il paziente porta e si adopererà per la sua attenuazione e/o risoluzione attraverso l’utilizzo dei farmaci adeguati. Pertanto il colloquio verterà principalmente sulla raccolta dell’anamnesi del soggetto e meno su aspetti relazionali.

Chi è il Neurologo?
Il neurologo è una persona laureata in medicina e chirurgia, che ha conseguito una specializzazione in neurologia. e si dedica a quelle disfunzioni dove è compromesso il funzionamento del sistema nervoso. È dunque un professionista che interviene sul versante prettamente organico del sistema nervoso, correggendone i difetti o favorendo il ripristino funzionale. Appare evidente come questa sia la figura meno indicata per l’accoglienza e la comprensione di disagi psicologici e non sia in grado, né possa, emettere diagnosi psicologica. Le modalità di trattamento del neurologo sono farmacologiche e chirurgiche (neurochirurgia).

Chi è il Counselor?
In Italia il Counselor è una figura in via di ufficializzazione, mentre all’estero è più ampiamente affermata e può essere definita come quella figura professionale esperta nella relazione d’aiuto. Non può lavorare in un contesto psicopatologico, ma esclusivamente al servizio della normalità dell’individuo, per aiutarlo a un miglior uso delle proprie risorse personali e ambientali, al fine di raggiungere e mantenere il benessere